Journal

Maowa maowa!

Da quando i piccoli hanno capito che fuori è bello ogni mattina appena vedono che apriamo gl’occhi comincia la sinfonia. Che persiste senza nessuna speranza di fermarsi finché per esasperazione qualcuno non apre la porta. Se avesse fatto bel tempo non ci sarebbe stato alcun problema, ma la porta aperta con 12 gradi, no grazie.

Quindi a suon di “Maowa Maowa” siamo riusciti a passare un’altra settimana, un’altra settimana senza fare un cavolo, da parte mia non mi scuso, so benissimo che non mi sono impegnata a dovere per cercare un lavoro, ma è anche vero che senza macchina le possibilità di abbassano esponenzialmente. E sono perfettamente cosciente che i soldi non cadono dal cielo, nemmeno il lavoro.

Il corso di pittura è quasi finito, la cosa mi rende un po’ triste perché era comunque un qualcosa da fare nella settimana, è giunto il momento che io m’inventi qualcosa per non impazzire. In compenso sono entrati dindi inaspettati e io mi sono fatta un regalino comprandomi una palette di acquerelli seri con qualche pennello, niente di eclatante ma qualcosa per ottenere dei risultati discreti mi serviva. Sto diventando tirchia, più che tirchia, penso sempre che quei 50 euro potrebbero servire per qualcosa di più importante, come riparare la macchina o un probabile veterinario (per riprendere il post di Giulia).

In compenso la mia lista desideri di amazon aumenta, ma a quello siamo abituati tutti.

Forse c’è una remota possibilità che il suocero cerchi qualcuno per la sua galleria d’arte, ma vista la sua rinomata qualità di elargire denaro, sarà sicuramente gratis, ma non mi lamento, almeno mi farebbe conoscere gente, artisti, persone varie e potrei cambiare un po’ aria.

Proprio per questo problema di vuoto io e Steph ci siamo messi in testa di cambiare i nostri progetti di vita, se da qui ad un tempo prestabilito non riusciamo ad adempiere ai nostri obbiettivi. Insomma abbiamo tutta l’intenzione di crearci noi il nostro lavoro, in un settore che qui va a gonfie vele, solo che io sono completamente inesperta a riguardo, ma posso imparare. C’è da fare moltissimi sacrifici, ma credo che possa decisamente valerne la pena, anche se si aggiunge la possibilità di mettere al mondo della prole.

PENSIERI PENSIERI PENSIERI.

This entry was posted in: Journal

da

Romana adottata dalla Francia, leggo troppi libri e scatto troppe foto. Predicatrice folle di #librisultavolo #myinstagramadventure In realtà sono un Hobbit.