Journal

Quando mi viene una forte allergia

Alcune recenti situazioni, avvenute ieri nella fattispecie, mi hanno portato a riflettere molto sul mio rapporto con la “vita” del web. Ero sul punto di mandare una buona volta a quel paese una persona precisa, avendo le palle piene delle sue bugie, della sua ipocrisia e di tante altre cose che trovo davvero inutili citare. Ma poi mi sono chiesta: cosa è lei per me? Siamo amiche? Cosa perdo se litigo con lei? Sicuramente il suo grande talento di suscitare pena e compassione mi avrebbe fatto rivoltare contro altra gente, ma alla fine, chi sono questi? Tutte persone che fondamentalmente non conosco. Relazioni fittizie, inutili, irreali. Quindi ho finito per relativizzare e analizzare davvero con cosa ho effettivamente a che fare. Ho pensato di eliminare una volta per tutte facebook in modo da allontanare ogni possibile contatto “giornaliero” ma poi mi son detta che bastava non entrarci. E così sarà fatto. Alla fine Lei, il mondo pagano virtuale, “gente” son qualcosa di irreale e inagibile, oltre che ampiamente marcio. Ne ho abbastanza le scatole piene di leggere mostruosità della lingua italiana, mostruosità culturali, mostruosità in qualsiasi senso questa parola può essere interpretato. E’ arrivato il momento di dire

BASTA

basta a tutto quello che mi fa venire il sangue amaro, se poi in cambio ci guadagno una perdita di “visualizzazioni” AMEN. Spesso sono io quella che passa per stronza, per il semplice fatto che sono troppo educata per dire ad una persona di tacere, ma poi arriva l’esplosione e l’educazione viene accantonata per un sano sfogo. Preferisco rimanere nascosta nella mia tana, dietro Norse Witch e ricevere commenti sterili e messaggi anonimi che dover mantenere un’immagine “amichevole” con qualcuno solo perché poi si può rovinare “un’amicizia”, ma quale amicizia? Quella che sfrutta senza dire grazie, quella che si fa i cazzi suoi o quella dove conta solo una persona mentre l’altra non merita nemmeno un “come stai?”

Se questa è amicizia, signori, io ne faccio volentieri a meno.

Ma ripeto, avrò il carattere di merda io, ma i falsi e gli stupidi proprio non riesco a digerirli. E’ più forte di me. Sono una grande stimatrice del vecchi adagio: Meglio soli che male accompagnati.

Si, decisamente sono anti-social e anti finte amicizie.

This entry was posted in: Journal

da

Romana adottata dalla Francia, leggo troppi libri e scatto troppe foto. Predicatrice folle di #librisultavolo #myinstagramadventure In realtà sono un Hobbit.